Bulleri: “Sei mesi di stop sono tanti ma ad Agosto sarò pronto”

0

Questo articolo ha avuto 354 visualizzazioni.

Massimo Bulleri intervistato dal “Corriere Del Mezzogiorno” parla del suo recupero dall’infortunio e della stagione che verrà, che vedrà l’Enel Basket Brindisi impegnata tra Campionato ed EuroChallenge.

Massimo Bulleri infortunatosi a Cremona il 2 Febbraio 2014 continua il suo recupero in vista della stagione 2014/15 e dovrebbe essere pronto entro la fine di Agosto in vista della preparazione atletica. Il Capitano di Cecina, che ha rinnovato il proprio contratto ad inizio Giugno, ha rilasciato al “Corriere Del Mezzogiorno” una breve intervista. Queste le sue parole riguardo il suo recupero: “Sei mesi sono davvero lunghi ma il desiderio di emozioni, di tornare a vivere l’atmosfera della partita e degli allenamenti sarà la benzina che darà energia al mio totale recupero. Sono mancato da Brindisi solo il primo mese e mezzo, quando non ero ancora autosufficiente. Poi, sono tornato e ho comunque presenziato agli allenamenti e alle partite”.

Dopo aver parlato del suo recupero, Bulleri fa un pronostico per il prossimo campionato e allerta la squadra e tifosi in vista dell’EuroChallenge che comunque sarà un stimolo per Brindisi: “Difficile farsi un’idea quando i roster sono ancora tutti da completare. Poi, sappiamo bene che il campo racconta spesso storie molto diverse da quelle previste, come insegna l’esperienza di Brindisi. Certo, Milano ha lo scudetto sulla maglia, la società sta facendo investimenti importanti e non c’è più Siena a rendergli il cammino difficile. Anche Sassari, che ha preso metà della nostra squadra, ormai  è una realtà consolidata con obiettivi ambiziosi. Per quanto riguarda l’esperienza in EuroChallenge dico che se si parte con troppe aspettative, si rischia di rimanere delusi. È certamente uno stimolo e un’occasione di crescita importante. Bisogna però mettere in conto le lunghe trasferte, gli impegni in campo ogni tre giorni, che significa resettare tutto in un tempo relativamente breve. Ci si allena di meno e non sempre come si vorrebbe. L’importante sarà seguire le indicazioni del coach”.

Si chiude con le parole riguardante coach Piero Bucchi, che non ha vinto il premio di allenatore dell anno: “Paolo Moretti non ha rubato nulla, ma ciò non toglie che Piero abbia lavorato in maniera eccellente, nonostante i tanti infortuni e i cambi in squadra. Sono certo che sia ancora più motivato e carico”.

 

The following two tabs change content below.
Andrea Romano

Andrea Romano

Brindisino, classe 1990. Dal 1° Dicembre 2013 cerco di raccontare al meglio tutto ciò che riguarda la New Basket Brindisi. Dall'Aprile 2014 inoltre collaboro con BasketUniverso.it.