Coach Piero Bucchi: “Abbiamo avuto un ottimo approccio alla partita”

Bucchi - Enel Basket Brindisi-Acea Roma (Foto Tasco per La Stella Del Sud - vietata la riproduzione)

Questo articolo ha avuto 406 visualizzazioni.

Queste le dichiarazioni di coach Piero Bucchi e Luca Dalmonte, del Presidente Nando Marino e di Andrea Zerini nel post partita di Enel Basket Brindisi-Acea Roma (clicca qui, per leggere il recap):

ENEL BASKET BRINDISI

Coach Piero Bucchi:
“Per essere l’ultima partita in casa dell’anno, possiamo benissimo dire che è stata una gara divertente. Che può sembrare facile, ma che siamo riusciti a conquistare sul campo con grande abnegazione da parte di tutti i ragazzi. Sono due punti sicuramente importanti per la classifica, ma che danno morale e ci permettono di guardare avanti con rinnovata fiducia. Stasera (ieri, ndc) abbiamo avuto buone indicazioni da tutti. La squadra ha eseguito alla perfezione quello che era il piano tattico preparato in settimana. E molte cose provate posso sono state eseguite bene dalla squadra. Abbiamo avuto un ottimo approccio alla partita. Ed è stato importante. Non ci sono stati impegni di EuroChallenge, è ciò ha permesso di preparare bene la partita lavorando come volevamo in settimana. Il fatto poi di averlo fatto praticamente al completo, con tutti gli effettivi a disposizione è stato un altro fattore molto importante nell’avvicinamento a una gara che, ripeto, comunque non era facile. Ma che siamo stati bravi a renderla tale. Inutile nascondersi: individualmente non siamo impeccabili in difesa, però il fatto di giocare di squadra, così da aiutarsi, ci permette di nascondere quelle che sono le nostre pecche e i nostri difetti nella fase difensiva. In questo, sono molto bravi i nostri lunghi nel coprire magari qualche errore che giunge dagli esterni, alla fine è chiaro che bisogna produrre difesa di squadra e il fatto che, oramai da circa 2-3 settimane, stiamo lavorando al completo in palestra, ci aiuta molto sotto questo aspetto.E’ stato certamente un 2014 positivo, che ci ha regalato tanti bei momenti. Un’annata bella, magari con qualche momento brutto  ma resta pur sempre un anno pieno di soddisfazioni. Il nostro intento era queUo di confermare Brindisi nella pallacanestro, credo che nel 2014 ci siamo riusciti. Speriamo di fare altrettanto più avanti”.

Presidente Nando Marino:
“Mi sono divertito. La squadra è partita a spron battuto, ha messo subito le mani sulla contesa. Soprattutto ha fatto capire agli avversari che non ce ne sarebbe stata. Bravi davvero. Ora dobbiamo continuare su questa strada e continuare a dare continuità di risultati e prestazion. Pullen ha fatto si cose egregie in attacco ma ha fatto bene pure in difesa. Sono contento per il ragazzo, il quale cresce partita dopo partita mostrando quei lampi di grande classe che ha nel suo dna. Avevo visto in settimana la squadra lavorare in palestra e mi aveva colpito molto la concentrazione. Questo mi faceva ben sperare. Così è stato. Una vittoria molto importante per la nostra classifica, perché ci permette di fare un bel balzo in avanti per quel che concerne l’accesso alla Final Eight di Coppa Italia. E un traguardo, questo, che vogliamo assolutamente raggiungere, che non vogliamo e possiamo fallire”.

Andrea Zerini:
“È certamente una partita da incorniciare, fratto di una partenza lanciata, che siamo riusciti a sempre a controllare. Non so se con la vittoria odierna stacchiamo in maniera definitiva il biglietto per l’atto finale della Coppa Italia. Quel che è sicuro è che facciamo un gran bel passo in avanti”.

ACEA ROMA

Coach Luca Dalmonte:
“Penso che davanti a tali prestazioni, o meglio non prestazioni, ognuno deve essere in grado di prendersi le proprie responsabilità verso se stesso e fare autoanalisi prima di alzare gli occhi e guardarsi intorno. Ritengo che una persona, posta al comando di un gruppo, deve prendersi tutte le responsabilità mettendo il petto davanti alle situazioni. Ecco, io lo faccio, ci metto la faccia e il petto davanti per difendere la squadra. Ripeto, però ognuno dovrà farsi un bel esame di coscienza. Non faccio nomi, non parlo di questo o quel giocatore. È un discorso che riguarda tutti, nessuno escluso. Una partita si può vincere o si può perdere, ma stasera (ieri, ndc) abbiamo toccato il punto più basso della nostra stagione sportiva, adesso ci sono 72 ore per rialzare la testa. Abbiamo una partita in casa (lunedì, contro Trento, ndc) che bisogna assolutamente vincere. La reazione dev’essere forte e immediata. Sulla partita, c’è davvero poco da dire. Se non addirittura niente. Non c’è stata partita, punto e basta.

Fonte: Nuovo Quotidiano di Puglia | Foto: Damiano e Vincenzo Tasco

The following two tabs change content below.
Andrea Romano

Andrea Romano

Brindisino, classe 1990. Dal 1° Dicembre 2013 cerco di raccontare al meglio tutto ciò che riguarda la New Basket Brindisi. Dall'Aprile 2014 inoltre collaboro con BasketUniverso.it.