Coach Piero Bucchi: “Dissi già in pre-campionato che Pistoia poteva essere una delle sorprese del campionato”. GM Giuliani: “I tempi di recupero di Simmons sono intorno i 5-6 mesi”

Conferenza stampa Bucchi-Giuliani

Questo articolo ha avuto 228 visualizzazioni.

Coach Piero Bucchi, nella conferenza stampa tenutasi questo pomeriggio presso la Sala Stampa del PalaPentassuglia, ha affrontato vari argomenti, tra cui: la vittoria contro il Södertälje Kings, la gara contro Pistoia di sabato, la condizione di Pullen e l’assenza di Simmons mentre il GM Alessandro Giuliani ha chiarito l’operazione di Simmons. Queste le loro parole:

Coach Piero Bucchi:

Gara di EuroChallenge:
“La coppa ci è servita soprattutto per ritrovare un po’ di confidenza con il campo perchè la squadra era un po’ imbambolata per la faccenda di Simmons e tutte una serie di ragioni. La partita per come è venuta ci ha permesso di ritornare un po’ a giocare e a mettere via tutto. Soprattutto è stata utile dal punto di vista mentale e bravi i ragazzi che nonostante abbiamo cambiato pelle diverse volte hanno affrontato la partita in maniera convinta”.

Appuntamento di sabato contro Pistoia:
“Lo dissi già in precampionato che per me Pistoia poteva essere una delle sorprese del campionato, anche perchè l’affrontammo in precampionato dove ci fece ottima impressione. Hanno italiani affidabili, Linton Johnson che ha esperienza italiana, Cinciarini che è un ottimo giocatore italiane e Filloy che ha ormai raggiunto una certa maturità. Partita insidiosa, in un campo caldo, sarà sicuramente una gara molto dura ma andremo lì con la voglia di fare bene e fare la nostra gara”.

Jacob Pullen:
“Credo che manchi qualcosa perchè possa essere in condizione, forse deve perdere un po’ di peso e pendo debba trovare condizione sia fisica che tecnica. Deve trovare un po’ di ritmo perchè ha passato un’estate un po’ strana prima di arrivare da noi. Non possiamo comunque caricare il ragazzo di aspettative esagerate. E’ un buon giocatore che può fare 20 punti, perchè lui ha 20 punti nelle mani, ma non è detto che deve farli sempre. E’ un giocatore di buone qualità in un gruppo che in lui deve avere un punto di forza ma sappiamo che deve migliorare atleticamente. Non è perchè contro di noi fece 30 punti oggi deve fare sempre 30 punti. Pullen l’abbiamo preso al posto di Sek Henry, a cui non abbiamo mai detto che non è mai stato un buon giocatore, perchè crediamo che ha caratteristiche di leadership e ha delle maggior qualità offensive”.

Assenza di Cedric Simmons:
“Con Simmons eravamo bilanciatissimi ma ora dobbiamo ritrovare gli equilibri. Con lui in mezzo al campo ti garantisci rimbalzi, stoppate etc e non è un caso che con lui sono arrivate vittorie contro Cantù e Ratiopharm. I primi ad essere dispiaciuti della sua assenza sono i ragazzi anche perchè hanno perso un punto di riferimento in mezzo al campo. Mays ancora non è al meglio, ce l’ha detto questi giorni in viaggio, dicendoci che non si sente come era prima ma sta lavorando bene per recuperare e pian piano tornerà in condizione”.

GM Alessandro Giuliani

Operazione Cedric Simmons:

“L’infortunio di sabato è stato dovuto al salto e non alla caduta. E’ stato operato mercoledì mattina dal prof. Cerulli che è lo stesso che ha operato in estate Zerini. L’operazione è durata circa un’oretta ed è stato ricostruito il tendine del quadricipite, è stato rinforzato con il gracile. E’ andata bene, il tendine è stato rinforzato. Oggi è ancora al Gemelli e domani torna a Brindisi. Il percorso post-operatorio prevede un mese di tutore senza fare nient’altro. Il prof. Cerulli lo rivedrà nuovamente tra 10-15 giorni. Dopo questo mese inizierà a fare degli esercizi per muovere il ginocchio. I tempi di recupero sono intorno i 5-6 mesi, per giocare a pallacanestro e per essere quindi allenato e tutto. L’operazione è andata bene e ringrazio ancora il prof. Cerulli. Noi teniamo al ragazzo prima che al giocatore e il nostro auspicio è quello ditenerlo ma ne bisognerà parlare ma non adesso. 

The following two tabs change content below.
Andrea Romano

Andrea Romano

Brindisino, classe 1990. Dal 1° Dicembre 2013 cerco di raccontare al meglio tutto ciò che riguarda la New Basket Brindisi. Dall'Aprile 2014 inoltre collaboro con BasketUniverso.it.