Coach Piero Bucchi: “La Virtus Bologna ci ha creato più di qualche grattacapo”

Brindisi-Bologna Bucchi

Questo articolo ha avuto 343 visualizzazioni.

Queste le dichiarazioni del post partita dei protagonisti della sfida tra Enel Basket Brindisi e Granarolo Bologna (clicca qui, per leggere il recap):

ENEL BASKET BRINDISI

Coach Piero Bucchi:
“E’ stata una partita dura e difficile. La squadra ha fatto una fatica mica da poco per riuscire a fare suoi i due punti. Proprio per i problemi che in questo momento ci attanagliano e che ci hanno accompagnato prima e durante il corso della contesa. Non dimentichiamo poi che si veniva dalle fatiche infrasettimanali di coppa, e anche per questo motivo la squadra all’inizio ha fatto fatica a carburare ed entrare in ritmo. Ripeto, la coppa qualcosa ci toglie in fatto di energie fisiche e nervose. La dimostrazione oggi (ieri per chi legge, ndc) è arrivata da Marcus Denomon, autentico mattatore mercoledì scorso in Germania mentre stasera (ieri, ndc) ha fatto decisamente più fatica a trovare la via del canestro. Torno a ribadire, l’inizio di partita è stato condizionato anche da questo, oltre alle altre problematiche con le quali oggi dobbiamo fare i conti. Poi, non dimentichiamo che di fronte avevamo una buonissima squadra, qual è appunto la Virtus Bologna, che più di qualche grattacapo l’ha creato. Abbiamo fatto fatica ad accenderci. Ho cercato di scuotere i ragazzi per farli reagire, poi pian piano siamo riusciti a compattarci e a migliorare. Soprattutto in fatto d’intensità difensiva dove siamo cresciuti con il passare dei minuti . Fortunatamente in questa settimana non avremo l’impegno di coppa e questo ci permetterà di lavorare in palestra. Così da inserire meglio Pullen e recuperare un po’ degli acciaccati. Sperando anche nel recupero di Mays. Diciamo che la vittoria di stasera (ieri, ndc) ci permette di prendere un po’ di tempo, ma soprattutto ci da l’opportunità di lavorare con maggiore tranquillità e serenità fino a sabato, quando saremo attesi da una sfida importante contro una squadra di rango qual è appunto Cantù”.

Presidente Nando Marino: 
Era importante sbloccarci dopo le due sconfitte ani-vate contro Venezia e Cremona. Abbiamo alquanto faticato per venire a capo di una partita che. comunque, facile non lo era proprio. Siamo soddisfatti per i due punti, ora speriamo di poter tornare a lavorare in palestra con tutti gli effettivi a disposizione in modo da riprendere quella continuità che oggi, invece, ci manca per ovvi motivi. Ora siamo attesi da una settimana fondamentale. Quella che si apre, infatti, ci porta dritti alla sfida di sabato in quel di Cantù, in una partita che per forse già rappresenta una sorta di spartiacque per la nostra prima parte della stagione. Vincere lì sarebbe fondamentale, ci darebbe nuova li fa e fiducia, ci permetterebbe anche di non allontanarci da quello che resta uno dei nostri obiettivi: ovvero trovare posto nella Final Eight di Coppa Italia. Abbiamo comunque ampi margini di miglioramento, su questo non si discute. Appena recupereremo James Mays e rinserimeuto di Jacob Pullen sarà completato, credo proprio che ci sarà da divertirsi. Ad oggi è un campionato aperto. Ci sarà proprio da divertirsi. Ne sono sicuro”.

Jacob Pullen:
«Al di là della mia prestazione, questa sera (ieri, ndc) era importante soprattutto vincere. È stata una partita difficile, contro una buonissima Bologna. Sapevamo che non sarebbe stata una passeggiata, e così è stato. Ma ripeto, ciò che più contava era vincere”.

Andrea Zerini:
“Non una bellissima prestazione, ma siamo riusciti a fare nostri i due punti. Ed è una cosa fondamentale perché ci permette di tornare a smuovere la classifica”

GRANAROLO BOLOGNA:

Coach Giorgio Valli:
C’era una squadra giovane che fa giocare tanto gli italiani e una che ha un maggiore apporto dagli stranieri  e siamo stati a lungo in partita, poi non ce l’abbiamo più fatta, vuoi per i loro canestri, vuoi per le nostre sfortune, vuoi perché servirebbero per noi giocatori più vecchi e più furbi. Dobbiamo crescere in fretta e farci rispettare, perché lavoriamo come pazzi e il nostro lavoro deve essere rispettato. Prendiamo falli e prendiamo tecnici, e per quanto successo a Brindisi Valerio Mazzola verrà multato, ma quando qualcuno si arrabbia in modo così veemente forse una ragione c’è”.

Fonte: Nuovo Quotidiano di Puglia e Resto del Carlino |

The following two tabs change content below.
Andrea Romano

Andrea Romano

Brindisino, classe 1990. Dal 1° Dicembre 2013 cerco di raccontare al meglio tutto ciò che riguarda la New Basket Brindisi. Dall'Aprile 2014 inoltre collaboro con BasketUniverso.it.