Coach Piero Bucchi: “Reggio Emilia è una squadra molto equilibrata”

SONY DSC

Questo articolo ha avuto 446 visualizzazioni.

Coach Piero Bucchi, nella conferenza stampa tenutasi questo pomeriggio presso la Sala Stampa del PalaPentassuglia, ha affrontato vari argomenti, tra cui: l’impegno contro Reggio Emilia, la sconfitta di Milano, le condizioni di Eric e del resto della squadra, se sarà possibile vedere James da 3 e Mays ed Eric insieme in campo e tanto altro ancora:

SONY DSC

Prossimo impegno contro la Grissin Bon Reggio Emilia:
“Domani sera c’è una partita molto impegnativa. Sarà una partita molto dura. Reggio Emilia è un gruppo molto coeso e compatto oltre ad essere una squadra molto equilibrata. Dovremmo essere solidi sia in attacco che in difesa. Certo gli italiani danno quel qualcosa in più a Reggio ma è molto valida soprattutto sugli esterni. Mi piacerebbe chiudere solo con una sconfitta in più rispetto lo scorso anno. Naturalmente non possiamo pronosticare il risultato ma tutto sommato rispetto lo scorso anno abbiamo solo una sconfitta in più, quindi mi sembra un buon record. Soprattutto vuol dire che nonostante le rivoluzioni di quest’estate e quelle in corsa quest’anno abbiamo confermato il nostro lavoro e progetto. Nel complesso siamo soddisfatti.
Loro hanno 3 ragazzi del settore giovanile che giocano tanti minuti è questo frutto della loro programmazione perchè fanno del settore giovanile il loro fiore all’occhiello. Nel campionato ci sono tanti americani perchè non ci sono giocatori italiani di valore perchè il settore giovanile non ha più fatto gran che dopo la legge Bosman”.

Micheal Eric:
“Eric non si è allenato sia mercoledì che giovedì perchè ha male al ginocchio. Deve recuperare terreno e ha perso un po’ di continuità nel lavoro. Lui ha tantissima energia. Deve migliorare qualcosina in fase offensiva e difensiva ma credo che alla fine esploderà il suo valore”.

Gara contro l’Olimpia Milano:
L’arbitraggio non ci ha aiutato. Brava Milano a giocare duro anche perchè gli arbitri hanno lasciato giocare parecchio. Contro Milano abbiamo sofferto la loro fisicità perchè sono abituati a giocare in EuroLega. Noi dovremmo avere più rispetto da parte degli arbitri ma dovremmo conquistarcelo giocando questo tipo di partite. Con Milano abbiamo sofferto più in attacco che in difesa e il tiro di Kleiza non lo prendo in considerazione perchè ci eravamo fermati.”

Condizione Infortuni:
“Delroy ha un po’ di influenza. Sino a ieri sera tutti presenti, oltre Eric. Ora vedremo cosa ci comunicherà il medico”.

EuroChallenge:
“Giocare 2 volte a settimana può dare anche vantaggi oltre agli oneri. La cosa difficile era iniziarla poi pian piano saremmo riusciti a prendere il ritmo. Tanti regali in giro non ne troveremo. L’Astana è molto competitiva, l’Aalstar ha il miglior attacco mentre i Rumeni sono un po’ da scoprire ma me ne parlano bene”.

Mays e Eric insieme:
“Sarà possibile vederli insieme ma ora Eric è il cambio di Mays perchè serve a farlo riposare. Quando Eric riuscirà a fare meno errori, sarò più felice e potremmo anche considerare di giocare con Mays da 4 ed Eric da 5″.

James da 3:
“In attacco è un giocatore fondamentale e prende dei vantaggi giocando da 4. Non ha un buon tiro da 3 e lo sappiamo. Ci può stare e si potrà fare tipo contro Milano e Sassari ma bisogna trovare 2 guardie che sono in giornata per farlo giocare da 3″.

Prima di coach Piero Bucchi ha risposto alle domande dei giornalisti Marcus Denmon: clicca qui per leggere le sue dichiarazioni:

Fonte: La Stella Del Sud - Basket Brindisi | Foto: Sara Cucurachi

 

The following two tabs change content below.
Andrea Romano

Andrea Romano

Brindisino, classe 1990. Dal 1° Dicembre 2013 cerco di raccontare al meglio tutto ciò che riguarda la New Basket Brindisi. Dall'Aprile 2014 inoltre collaboro con BasketUniverso.it.