Coach Piero Bucchi a SportItalia: “Non siamo a Milano in vacanza. Ce la giochiamo con serenità”

bucchi sportitalia 2

Questo articolo ha avuto 595 visualizzazioni.

Domenica sera, coach Piero Bucchi, è stato ospite della trasmissione “Domenica Basket” negli studi di SportItalia. Durante la trasmissione condotta da Matteo Gandini, il coach dell’Enel Basket Brindisi ha risposto ai vari temi a lui proposti, queste le sue dichiarazioni:

bucchi sportitalia 2

Gara contro l’EA7 Emporio Armani Milano:
“Mi sa che li troviamo belli arrabbiati però noi non centriamo niente (scherza). Sarà di nuovo davanti al proprio pubblico dopo pochi giorni e vorrà fare bene. Noi siamo consapevoli che andiamo nella tana del lupo ferito per cui sarà durissima. Noi onestamente non siamo grandissimi nelle 2 guardie e nel playmaker e quindi possiamo soffrire un pochettino nella coppia di guardie e questo Milano lo sa. Speriamo che la nostra organizzazione possa darci una mano. Abbiamo difronte una squadra molto esperta, fisica e molto grossa. Per questo è venuto Micheal Eric che è un saltatore, stoppatore che effettivamente può bilanciare l’equilibrio del 1° e del 2° quintetto. L’affrontiamo come una partita importante ma non come esame di maturità, penso che la scorsa gara contro Avellino sia stata un’esame di maturità. A Milano ce la giochiamo perchè non siamo qui certo in vacanza. Partita difficile ma vogliamo fare una buona gara. Non sarà facile ma ce la giocheremo serenamente. Dobbiamo cercare di vincere tutte 2 le partite del girone andata, non possiamo fare i conti per avere il miglior piazzamento per le Final Eight, dobbiamo solo cercare di dare il meglio”.

Tanti cambi nel roster:
“Abbiamo cambiato parecchio. Abbiamo cambiato un pivot e un play. Simmons se la stava giocando con Mays che era fuori per infortunio nel ruolo di pivot titolare. Abbiamo avuto quindi qualche scossa di assestamento. Per fortuna la squadra è un gruppo sano e che lavora. Abbiamo avuto un passo falso a Cremona perchè eravamo un po’ spaesati perchè in effetti era un momento di trapasso. Ora stiamo ritrovando noi stessi ma fino ad ora la squadra abbia fatto abbastanza bene”. 

EuroChallenge:
“I viaggi sono abbastanza faticosi per noi perchè siamo abbastanza decentrati. Molti giocatori preferiscono giocare invece di allenarsi e quindi quando c’è una coppa sono maggiormente stimolati. E’ chiaro che l’EuroChallenge è un pelo sotto come qualità rispetto all’EuroCup quindi è normale che sia un pelo più semplice. La squadra aveva voglia di fare questa coppa e l’affrontata con tanto desiderio in più. E’ una cadenza un po’ più tranquilla, ci sono 2 settimane di riposo quindi effettivamente si riesce anche a lavorare, recuperare e riuscire a fare un po’ di lavoro che ogni tanto ti manca quando invece giochi sistematicamente 2 volte a settimana. L’obiettivo della società era superare il 1° turno perchè era la prima volta a cui partecipava. L’abbiamo fatto da primi e ovviamente ci fa piacere. Ora che siamo in corsa vogliamo avanti ma sappiamo non sarà facile perchè da ora in avanti affronteremo squadre di livello superiore, quindi sarà più impegnativo ma sarà comunque divertente”.

Venezia-Sassari:
“Il fatto che Sassari abbia vinto a Venezia senza 3 giocatori così importanti dimostra che ha una grande qualità. Aver superato questa difficoltà per Sassari è una buonissima notizia e i 3 che rientreranno dovranno un po’ riadeguarsi a giocare in questo modo.Sassari credo che sia l’anti-Milano. Ha talento, atletismo e tanti giocatori, come normale che sia per una squadra che ha fatto l’EuroLega. Venezia ha un roster, con questi giocatori che vengono da Siena che effettivamente alla lunga possono influire sulla mentalità del gruppo”.

Impegno con Reggio Emilia (sabato 10/01/15):
“Sta giocando molto bene. E’ un gruppo molto solido e si vede. Tra l’altro ha cambiato molto poco negli anni e sono stati bravi ad aggiungere i giocatori giusti ogni volta. E’ un gruppo che sta crescendo e quest’anno sta facendo ancora molto bene.”

The following two tabs change content below.
Andrea Romano

Andrea Romano

Brindisino, classe 1990. Dal 1° Dicembre 2013 cerco di raccontare al meglio tutto ciò che riguarda la New Basket Brindisi. Dall'Aprile 2014 inoltre collaboro con BasketUniverso.it.