Coach Piero Bucchi: “Varese solo in crisi di risultati. Dobbiamo essere molto attenti”

Bucchi conferenza stampa

Questo articolo ha avuto 382 visualizzazioni.

Coach Piero Bucchi, nella conferenza stampa tenutasi questo pomeriggio presso la Sala Stampa del PalaPentassuglia, ha affrontato vari argomenti, tra cui: le condizioni di Mays, la gara contro Varese di sabato, il caso Pozzecco, il vedere Mays e Simmons in campo insieme e l’impegni Europei:

Bucchi conferenza stampa
Condizioni di Mays:
“Sembra stare non malissimo, oggi dovrebbe allenarsi. Ieri abbiamo svolto un allenamento di scarico dopo la partita. Lui ha voluto tirare, ha fatto pesi ma non ha fatto uno sforzo massimale come in un allenamento di pallacanestro, ma le sensazioni sono positive. Questa mattina ha fatto un’indagine strumentale, ha fatto una risonanza magnetica e sembra migliorato molto rispetto a 2 settimane fa. Come detto le sensazioni sono positive, non gravissime ma da verificare con e dopo l’allenamento”.

Gara contro Varese:
“Sono molto attento, molto guardingo, e molto in allarme per la gara di domani. sono consapevole che giocheremo contro una buona squadra, di ottimi talenti. E’ una squadra in crisi di risultato ma non di gioco perchè ha impegnato sempre i suoi avversari. Partita dura e molto difficile che dobbiamo affrontare con la massima concentrazione. Chi guarda la classifica e pensa che sia una partita facile perchè loro han 2 vittorie si sbaglia di grosso. Loro sono affamati di punti e quindi saranno ancora più pericolosi. Noi dobbiamo stare molto attenti e dobbiamo cercare mantenere il trend positivo e dare continuità alle ultime 2 settimane. Varese si affronta con grande attenzione in difesa perchè non puoi rilassarti mai ed è una squadra che può farti male in qualsiasi momento”.

Gianmarco Pozzecco:
“Se è stato squalificato per 2 giornate forse significa che è andato un po’ oltre. Ma era così anche da giocatore, è il suo carattere. Non mi sento di dare giudizi su di lui, lo conosco da tanto tempo, persona molto simpatica e piacevole e quest’estate abbiamo passato un po’ di ore insieme alla Summer League. Comprendo e condivido la passione che ci mette e che a volte spinge anche in me in campo, ma dobbiamo stare attenti a non esagerare perchè siamo persone pubbliche e quindi abbiamo delle responsabilità”.

Mays e Simmons insieme in campo:
“E’ una soluzione tattica che se non la provassi significa che sarei proprio ottuso. Non so quanti minuti sarà che capiterà però è una cosa che ho già provato l’altra sera. Mays può giocare anche da 4 e da Agosto che si allena dal tiro dalla lunga distanza. Una siouoliche ha sempre avuto e che forse aveva perso un po’ di fiducia. Ha una dimensione interna e esterna e permette a Delroy James di penetrare con un po’ più di spazio. Per questo abbiamo deciso di prenderlo quest’estate.

Impegni Europei:
“La coppa è impegnativa. Chi ha firmato qui è venuto consapevole che c’era la coppa e non è venuto solo per il denaro o perchè abbiamo tanta attrazioni, tra cui la fritta di Romanelli, tra l’altro buonissima e che magari attira anche i tifosi Olandesi. I giocatori preferiscono giocare che allenarsi e di conseguenza sanno che c’è da affrontare una fatica ma è il loro lavoro. Pagheremo qualcosa, ma spero sempre meno, ma ci aiuterà a superare la fatica mentale oltre che fisica”.

The following two tabs change content below.
Andrea Romano

Andrea Romano

Brindisino, classe 1990. Dal 1° Dicembre 2013 cerco di raccontare al meglio tutto ciò che riguarda la New Basket Brindisi. Dall'Aprile 2014 inoltre collaboro con BasketUniverso.it.