EuroChallenge | Sala Stampa | Coach Piero Bucchi: “Questa gara dimostra che la squadra può giocarsela con tutti in Italia e in Europa”

Simmons - Ratiopharm Ulm-Enel Basket Brindisi

Questo articolo ha avuto 500 visualizzazioni.

Queste le dichiarazioni del post partita dei protagonisti della sfida tra Ratiopharm Ulm ed Enel Basket Brindisi (clicca qui, per leggere il recap)

Enel Basket Brindisi:

Coach Piero Bucchi:
Prima di tutto tengo a ringraziare un giocatore che stasera lascerà la squadra e ha dimostrato grande attaccamento e dedizione alla maglia e al gruppo e anche al sottoscritto. Domani (oggi) verrà ufficializzata la separazione, ma voglio ringraziarlo per l’apporto che ha dato in questi mesi (clicca qui, per leggere la notizia del taglio di Dejan Ivanov). Certamente, con l’arrivo di Simmons la squadra cambia fisionomia sotto canestro e con il ritorno di Mays saremo ancora più pericolosi. Pullen non l’ho ancora visto perché siamo fuori da sabato pomeriggio, ma spero che già da domenica sia pronto. Marcus ha questi tiri nelle mani e sappiamo che possiamo e dobbiamo andare da lui nei momenti di necessità. In Olanda ci abbiamo provato, questa sera (ieri, ride) il tiro è stato ben costruito e ci ha premiato. Nel complesso, siamo stati bravi a partire forti e gestire i momenti difficili. Ulm è una squadra che gioca bene e mette in difficoltà. La nostra intensità difensiva è stata un’arma importante per rimanere in partita e giocarcela fino all’ultimo secondo. Il girone europeo è corto e ogni partita conta vincerla. Questa partita dimostra che la squadra, seppure negli ultimi tempi con qualche difficoltà e qualche cambio di giocatori. è viva e può giocarsi ogni partita, in Italia e in Europa. E’ una bella vittoria e ora il girone si fa interessante, però ora dobbiamo concentrarci su Bologna, prossimo avversario in campionato. Una sfida delicata che servirà per la nostra crescita. Qui ti rendi conto di quanto queste leghe siano cresciute negli anni. C’è spettacolo, interesse verso la partita ma anche verso quello che c’è intorno. Lancio una simpatica provocazione al nostro presidente Marino, che è anche presidente di Lega, affinché si prenda esempio per rilanciare il basket italiano e tutto il movimento che merita di tornare ai livelli di un tempo. Il basket tedesco è cresciuto e ha saputo cambiare migliorarsi, è arrivato il momento che anche noi recuperiamo il terreno perduto”.

Massimo Bulleri:
“E’ bello vincere così, abbiamo dimostrato compattezza e forza mentale. Non era facile perché Ulm è una squadra molto forte e in casa gioca un basket aggressivo. Noi siamo stati bravi a partire forte, rispetto ad altre partite, e poi a non mollare. Il tiro di Denmon alla fine è la ciliegina sulla torta di una partita sontuosa.Il gruppo è sempre stato compatto e nessuno dei giocatori, anche quelli che nelle ultime settimane erano a rischio di taglio e poi effettivamente andranno via, hanno dato un grande contributo e hanno dimostrato attaccamento alla maglia, anche stasera. Vanno ringraziati in ogni caso. E’ una vittoria importante, voluta, che ci conforta che quando giochiamo così nessuno ci può battere. In campionato abbiamo avuto qualche passo falso, ma già da domenica prossima vogliamo ripartire alla grande. I conti si fanno sempre alla fine e adesso siamo un cantiere aperto, giudicateci tra qualche settimana. Noi vogliamo disputare una grande stagione”.

Ratiopharm Ulm

Coach Thorsten Leibenath:
Congratulazioni a Coach Bucchi e alla sua squadra. Abbiamo giocato una buona partita per 3 quarti. Però contro una buona squadra come l’Enel Brindisi questo non è bastato. Non si può vincere una partita nel 1° quarto, però si può perdere nel 1° quarto. Brindisi ha giocato molto bene durante tutta la partita, con un 1° quarto incredibile. Quando pensavamo di aver ribaltato la situazione, l’Enel ha aumentato l’intensità difensiva. Denmon ha giocato una partita straordinaria, il che non è una grande sorpresa, dal momento che è un eccellente giocatore. Non è abbastanza il 29% da 2 punti che abbiamo realizzato”.

Adam Hess:
“Non abbiamo giocato bene nel 1° quarto, però successivamente abbiamo iniziato a lottare. Abbiamo perso contro un’ottima squadra, che è stata preparata benissimo per questa partita. Ciò che è importante per me è che abbiamo continuato a lottare fino alla fine”.

Fonte: Nuovo Quotidiano di Puglia, FIBA Europee | Foto: FIBA Europee

The following two tabs change content below.
Andrea Romano

Andrea Romano

Brindisino, classe 1990. Dal 1° Dicembre 2013 cerco di raccontare al meglio tutto ciò che riguarda la New Basket Brindisi. Dall'Aprile 2014 inoltre collaboro con BasketUniverso.it.