EuroChallenge | SPM Shoeters-Enel Basket Brindisi: 71-69

6

Questo articolo ha avuto 577 visualizzazioni.

Finale da cardiopalma: Denmon fallisce il buzzer-beater e l’Enel Basket Brindisi perde all’esordio in EuroChallenge.

 

SPM Shoeters-Enel Basket Brindisi: 71-69
1° Giornata EuroChallenge, Gruppo A
Maaspoort, Den Bosch 04/11/14 


L’Enel Basket Brindisi sfiora l’impresa in Olanda. La squadra di coach Piero Bucchi regala 2 quarti al SPM Shoeters che riesce a portarsi anche sul +21. Nel secondo tempo, la strigliata negli spogliatoi serve a qualcosa e uno straordinario Turner e James firmano il pareggio a pochi secondi dal termine. A Marcus Denmon non riesce il buzzer-beater della vittoria e rende amaro l’esordio in Europa.

Notte storica per la New Basket Brindisi. Sul parquet del Maasport di Den Bosch (Olanda), la squadra di coach Piero Bucchi gioca la sua prima gara in Europa. Il Palcoscenico è l’EuroChallenge mentre i primi avversari sono gli SPM Shoeters, ovvero la squadra più titolata nel paese dei tulipani. L’Enel Basket Brindisi deve rinunciare ancora a James Mays, rimasto a Brindisi per continuare le terapie dopo l’infortunio subito il 29 ottobre scorso a Caserta e ancora una volta è Ivanov a sostituirlo.

1° Quarto – Il canestro di Elston Turner Jr. all’inizio del match fa ben sperare ma si tratta di una piccola illusione. I padroni di casa dominano il campo mentre l’Enel Basket Brindisi fatica a penetrare e quelle poche volte che ci riesce il risultato è pessimo. Gli uomini di coach Piero Bucchi riescono a stare vicino al SPM Shoeters fino il 5-4 firmato Sek Henry. Denson schiaccia l’11-4 al 5° minuto e poco dopo mette a referto altri 3 punti. Il pivot Reggie Johnson, data l’enorme stazza, domina il pitturato e la difesa brindisina fatica a tenerlo. Al 6° Ivanov dalla lunetta realizza 1 dei 2 liberi conquistati e muove dopo il tabellino dopo un lungo digiuno. Nel finale Slagter-Johnson firmano il +15. Il primo quarto termina sul risultato di 25-10.
2° QuartoAnche nel 2° quarto la musica non cambia, Brindisi resta imprecisa sia da sotto che da 3 e continua a perdere molti palloni. E’ il solito Johnson a sbloccare il risultato dai liberi, ma Harper risponde subito da sotto (27-12). Ma il pivot americano degli uomini in canotta nera continua a far male alla difesa di Brindisi,e al 14° ha già messo a referto 15 punti (33-17). Brindisi continua a non esserci sul parquet e al 18° il layup di Wessels vale il +21 a favore dei padroni di casa (40-19). Dejan Ivanov a pochi secondi dal termine del quarto finalmente piazza una tripla e porta il risultato sul 40-24.

3° Quarto –  Nell’intervallo lungo, coach Piero Bucchi avrà strigliato per bene i suoi, infatti è un’altra Brindisi quella che scende in campo. Johnson prova a tenere a distanza la squadra pugliese ma James, Denmon e Turner permettono a Brindisi di avvicinarsi pericolosamente. Al 24° il layup di Turner Jr vale il -9 (49-40) mentre la bomba di Henry al 27° il -6 (50-44). Brindisi sembra finalmente vicina e da l’impressione di poter ancora recuperare. Schilder e Slagter però in 8secondi piazzano due bombe e il nuovo +12 (56-44). A fine quarto la tripla di Denson, al suo 9° punto personale, fissa il punteggio sul 59-46.
4° QuartoNegli ultimi 10 minuti, l’inizio non è dei migliori, e la squadra di coach Sam Jone al 33° si porta sul +17 (65-48). Da questo momento in poi salgono in cattedra Delroy James ed Elston Turner. Il duo firma un parziale di 4-16 che porta Brindisi sul -4 (69-65). Marcus Denmon pesta la linea ma piazza il canestro del 69-67 ad 1 e 34 dal termine. Timeout SPM Shoeters. A questo la partita si gioca sul filo del rasoio. Rientrati dal timeout James pareggia i conti. Brindisi recupera un rimbalzo a 34 secondi dal termine e 10 secondi più tardi James sbaglia la bomba. Denmon commette fallo. Dalla rimessa Akerboom piazza il +2. Bucchi chiama immediatamente il timeout. Brindisi ha 3 secondi a disposizione, Denmon si prende il tiro della vittoria, ma la sua preghiera e quelle di migliaia di tifosi brindisini non si esaudice. Finisce 71-69.

L’Enel Basket Brindisi perde la prima gara in EuroChallenge al suo debutto. La squadra di coach Piero Bucchi, regala i primi 2 quarti agli avversari, vuoi per l’emozione della prima volta, vuoi per la stanchezza della gara sofferta di Domenica e la conseguente trasferta sino in Olanda. La reazione nel 2° tempo è da grande squadra e solo la sfortuna non ha bagnato con la vittoria l’esordio in EuroChallenge. Nell’altra gara successo in trasferta del Rathioparm in Svezia.

MVP REGGIE JOHNSON: Il “pivottone” della squadra di Den Bosch chiude con 23 punti, 8 rimbalzi, 3 assist in 23 minuti. La sua enorme stazza diventa lo rende immarcabile per la difesa Brindisina. Con James Mays però sarebbe stata una lotta vera.

Parziali: 25-10; 40-24 (15-14); 59-46 (19-22); 71-69 (12-23).

Enel Basket Brindisi: Harper 6, James 13, Bulleri 3, Cournooh 0 ,De Gennaro, Denmon 13,  Morciano, Zerini 0, Henry 9, Turner Jr. 17, Ivanov 8. Coach: Piero Bucchi
Starting Five: Henry, Denmon, Turner Jr., James, Ivanov.
TL 8-12 (66.7%), T2 17-36 (47.2%), T3  9-24 (37.5%)
Rimbalzi:  32 (10 Ivanov)
Assist: 9 (4 Henry)

SPM Shoeters Den Bosch: Slagter 9, Johnson 23, Wessels 13, Denson 9, Schilder 3, De Pagter, Curry 5, Akerboom 7, Aarts 2. Coach Sam Jones
Starting Five:
Curry, Denson, Wessels, Akerboom, Johnson.
TL 16-19 (84.2%), T2 20-37 (54.1%), T3 5-13 (38.5%)
Rimbalzi: 29 (8 Wessels)
Assist: 3 (Johnson,Denson, Akerboom, Aarts)

The following two tabs change content below.
Andrea Romano

Andrea Romano

Brindisino, classe 1990. Dal 1° Dicembre 2013 cerco di raccontare al meglio tutto ciò che riguarda la New Basket Brindisi. Dall'Aprile 2014 inoltre collaboro con BasketUniverso.it.