Giuliani: “La vittoria contro Pesaro importante ma non indicativa per la nostra stagione”

3

Questo articolo ha avuto 407 visualizzazioni.

Ieri, il GM Alessandro Giuliani è stato ospite  di “Basketlandia”, programma televisivo di PugliaTV. Ecco i punti chiave della sua intervista:

 

Vittoria contro Pesaro: La vittoria contro Pesaro è stato un buon inizio che però non significa assolutamente nulla. Sappiamo che come l’anno scorso, molte delle nostre fortune verranno dal PalaPentassuglia. L’anno scorso alla prima giornata vincemmo contro Milano e quest’anno contro Pesaro, che è una squadra molto giovane e dovrà lavorare molto per rimanere in A. Punti importanti ma non è una partita indicativa per la nostra stagione”.

Pre-Season: “Le partite di pre-campionato non hanno alcun valore, non dovrebbero avere neanche il risultato, anche se ci sarebbe piaciuto giocare qualche partita in più”.

Mercato: “Come ogni anno abbiamo cercato di formare una squadra fisicamente adatta per difendere come vuole Bucchi, sia dal punto di vista fisico che della testa: del provarci, del non mollare mai del dare solidità”.

Ammonizione Istant Replay: “Non è stato un errore nostro ma del corriere. Mancava la 5° telecamera che deve essere preposta a guardare il cronometro. L’istant replay c’era. Ho ricevuto un e-mai di “scuse” dalla Lega Basket che girerò alla Federazione per far togliere l’ammonizione, che non vuol dire niente, ma non vorremmo prendere in futuro un’altra ammonizione per un’altra situazione per poi pagare una multa che non ci è dovuta”.

Turner: “E’ un giocatore di talento quindi fa meno ha fatto meno fatica ad integrarsi all’interno del gruppo. Conosce il campionato. Dal punto di vista della forma fisica, ha iniziato la preparazione in Francia 2 settimane prima di noi quindi è arrivato in forma. E’ un ragazzo molto tranquillo e ha capito subito cosa gli chiedeva il coach”.

Mays: “Sappiamo che è un giocatore che non è più un bambino, ha già giocato ad livelli alti, perchè tutti guardano il campionato delle filippine dell’ultimo anno. Dopo anni ha voluto riprovare l’esperienza in Europa e con il fatto che abbiamo altri giocatori in squadra del suo stesso agente  Americano,che ha buon rapporti con la società, ha scelto di venire a Brindisi”.

Harper: “E’ il nostro tuttofare. Qualcuno si sarà accorto che domenica ha giocato anche da playamaker. Sarà il giocatore dalla panchina che ci dovrà portare sostanza: punti, assist, rimbalzi. Dovrà fare un po’ di tutto e crediamo che lo farà bene”.

James: “Ha un anno in più di pallacanestro e un anno in più di Bucchi come allenatore. Ha capito che un altro anno a Brindisi serviva alla sua maturazione sia come giocatore sia come persona”.

Bulleri: “Dal momento in cui si è operato non si è mai fermato. Lunedì era già ha lavorare con Marco Sist per continuare il suo recupero”. (Clicca qui per l’intervista a Marco Sist)

Cournooh: “E’un giocatore che personalmente, sia quando ero a Verona e qui a Brindisi ho sempre cercato di firmare. E’ il prototipo del giocatore moderno. Sa fare tante cose. E’ un ragazzo giovane ma gli abbiamo fatto un contratto lungo perchè pensiamo possa diventare un giocatore importante per questa squadra”.

15252771137_5247c95d36_kDenmon: “E’ un giocatore che deve fare un piccolo salto di qualità. In Francia e Turchia era il faro della propria squadra. Qui non gli chiederemo di fare 25 punti a partita ma gli chiediamo di essere concentrato in difesa, di essere duro, di fare canestro quando serve e ricordargli che è stato scelto in NBA dai San Antonio Spurs il che vuol dire che ha delle qualità importanti”.

Zerini: “E’ arrivato 4 anni fa insieme a me a Brindisi da Ruvo di Puglia. E’ un esempio per tutti. Si sta creando una grossa carriera e penso che dovrà ringraziare nei prossimi anni Piero Bucchi”.

Henry: “E’ molto serio, così come ci avevano dipinto. “Sarà timido nei primi 2 mesi e poi sarà quello che farà gli scherzi alla squadra”, come sta facendo”.

Ivanov: “E’ un po’ una roccia. Ha una furbizia, una capacità di andare a rimbalzo, una cattiveria agonistica che in allenamento può essere molto utile a Mays”.

Morciano e De Gennaro: “Adesso il futuro è quello di allenarsi, di studiare ed andare bene a scuola. Quello di domenica è stato un premio e speriamo che nel futuro ci siano altre occasioni anche per altri brindisini”. (Clicca qui per l’intervista a Morciano e De Gennaro)

EuroChallenge: “La Shoeters Den Bosch, con cui esordiremo nella competizione, è una squadra che negli ultimi anni ha vinto più campionati in Olanda. Ha molti giovani nazionali  e ha anche 2/3 americani molto giovani. Sarà una sfida per noi anche perchè loro sono abituati a giocare le coppe, ma sicuramente non è di altissimo livello. Il Rathiopharm Ulm invece è uno squadrone, ha firmato giocatori che l’anno scorso erano in EuroLega ed è tra le top in Germania”. 

The following two tabs change content below.
Andrea Romano

Andrea Romano

Brindisino, classe 1990. Dal 1° Dicembre 2013 cerco di raccontare al meglio tutto ciò che riguarda la New Basket Brindisi. Dall'Aprile 2014 inoltre collaboro con BasketUniverso.it.