Pagelle: Enel Basket Brindisi-Grissin Bon Reggio Emilia

Eric Enel Basket Brindisi-Grissin Bon Reggio Emilia (foto tasco per la stella del sud - vietata la riproduzione)

Questo articolo ha avuto 577 visualizzazioni.

Le pagelle ai giocatori dell’Enel Basket Brindisi, a cura de “La Stella Del Sud – Basket Brindisi”

David Cournooh 6,5: 1 punto, 3 rimbalzi e 3 assist (assist-man della squadra) e 3 di valutazione finale. I numeri non sembrano dalla sua parte ma quando è in campo il ragazzo di Villafranca l’inerzia della partita cambia a favore dei padroni di casa. David gioca con la voglia di un ragazzino che vuole spaccare il Mondo anche perchè nel girone d’andata è stato spesso seduto in panca. Non molla un centimetro ma 3 falli in 7 minuti e il problema alla schiena condizionano la sua gara.

Massimo Bulleri 6-: Con Pullen e Denmon in giornata “No” ci vuole l’esperienza del capitano per riuscire a cambiare l’andamento della gara. Anche “Bullo” è l’artefice della rimonta del 2° quarto (10 di plus minus, il più alto di squadra) con giocate di chi mastica basket da una vita. Peccato che già nel finale del 2° quarto si appanni la vista anche lui e i 2 palloni lanciati in tribuna (3 perse) testimoniano la la giornata non perfetta di tutta la squadra. 6 punti, 4 rimbalzi (come James e Mays) e 1 assist il suo score

Micheal Eric 6-: Non è James Mays e non è Cedric Simmons questo è stato subito ben chiaro. Anche se acerbo, e con un fastidio al ginocchio, il pivot Nigeriano ci mette la buona volontà. In 13 minuti con le scarpette allacciate fa meglio di Mays in 20 minuti: 6 punti (3/4), 3 rimbalzi,3 palle recuperate, 1 assist e 12 di valutazione finale (la più alta di squadra)

Demonte Harper 5,5: Da ala piccola nel 2° quarto fa meglio di Turner. Anche lui partendo dalla panchina fa parte del 2° quintetto che prova a riacciuffare la partita. La mano non è caldissima: solo 3 punti frutto di 1/5 da 2 e 1/2 dalla lunetta (0/2 da 3) ma la pressione e la difesa è delle migliori. Con il proseguire della gara si spegne anche lui.

Delroy James 5: L’inizio sembrava di quelli migliori. Poi come a Milano diventa quasi un fantasma anche se almeno oggi riesce a mettere 11 punti a referto (4/6 da 2, 0/2 da 3 e 3/3 dalla lunetta). A rimbalzo soffre anche lui: solo 4 palloni arpionati. 9 di valutazione finale.

Andrea Zerini 5-: Con la tripla del 18-28 aveva riacceso l’entusiasmo del PalaPentassuglia. Poi però non prende nessun tiro sino al termine della partita. Soffre Cervi e Polonara: 1 solo rimbalzo arpionato.

Jacob Pullen 4,5: Si sveglia quando la partita è ormai compromessa. Qualche bella giocata in penetrazione nel 3° quarto ma niente di più. Con 12 punti è il top scorer della squadra ma 0 assist e 2 perse testimoniano che quando le cose non girano come vuole è un giocatore che non riesce a produrre qualcosa di buono per la squadra. -33 di plus minus il più basso di squadra.

Elston Turner 4: Non è più l’Elston Turner di inizio campionato. Non riesce a trovare il canestro con la facilità delle prime giornate. Mette a referto solo 2 punti con 1/2 da 2 e 0/4 da 3. Le sue statistiche poi recitano tutte “Zero”. -3 di valutazione finale e -17 di plus minus.

James Mays 4: Cervi non è Samuels ma il pivot centrafricano lo soffre come se lo fosse. Impreciso sotto canestro (1/6 da 2) e anche 2 stoppate subite. Ci prova anche da fuori l’arco (0/3, l’unica realizzata era arrivata allo scadere dei 24) ma senza fortuna. Cattura solo 4 palloni a rimbalzo. 3 falli in 3 minuti ad inizio 3° quarto, forse lo si ricorda solo per questo.

Marcus Denmon 4: Nel primo tempo gioca solo 12 minuti ovvero il tempo per non prendersi nessun tiro o quasi (0/1 da 2). Si blocca nel 3° quarto ma solo dopo un viaggio in lunetta. Nel finale prova a recuperare con le triple ma quando Reggio in difesa recitava “prego accomodati”. Peccato però che non accetti l’invito a dovere. Il suo bottino finale recita 8 punti (0/3 da 2, 2/5 da 3 e 2/2 dalla lunetta), 1 rimbalzo, 1 recuperata e 1 persa e 0 assist.

Foto: Damiano e Vincenzo Tasco

The following two tabs change content below.
Andrea Romano

Andrea Romano

Brindisino, classe 1990. Dal 1° Dicembre 2013 cerco di raccontare al meglio tutto ciò che riguarda la New Basket Brindisi. Dall'Aprile 2014 inoltre collaboro con BasketUniverso.it.