Pre-Season | Banco di Sardegna Sassari-Enel Basket Brindisi: 87-78

3

Questo articolo ha avuto 347 visualizzazioni.

A Brindisi non basta uno strepitoso Marcus Denmon per battere Sassari.

 

Banco di Sardegna Sassari-Enel Basket Brindisi: 87-78

Torneo “Città di Sassari – Mimì Anselmi”

PalaSerradimigni – Sassari 12/09/14

Nell’esordio stagionale in pre-season, l’Enel Basket Brindisi perde la semifinale del Torneo “Città di Sassari – Mimì Anselmi” contro i padroni di casa dello scatenato Logan (29 punti). Non bastano a Brindisi, i 21 punti del talento Marcus Denmon a mantenere il vantaggio maturato dopo i primi 2 quarti. Oggi pomeriggio la finalina contro i russi del Lokomotiv Kuban, battuti ieri dal Galatasaray, che stasera affronterà il Banco di Sardegna Sassari in finale.

3

Esordio stagionale per l’Enel Basket Brindisi. Al PalaSerradimigni di Sassari, va in scena la semifinale del Torneo “Città Di Sassari-Mimì Anselmi” tra i padroni di casa del Banco di Sardegna Sassari ed Enel Basket Brindisi. Meo Sacchetti deve rinunciare a Sanders e Sacchetti alle prese con dei leggeri infortuni, mentre coach Bucchi deve rinunciare ancora a capitan Massimo Bulleri. Allora in campo vanno: l’ex Dyson, Logan, Devecchi, Brooks e Lawal da una parte e Henry, Denmon, Ayers, James e Mays dall’altra. Il match termina 87-78 per la squadra del presidente Sardara, che così accede alla finale del torneo, lo scorso anno vinto proprio da Brindisi, dove affronterà il Galatasaray, che nella semifinale delle 18 ha superato il Lokomotiv Kuban per 72-69. In casa Brindisi buona la prestazione di Marcus Denmon, con 21 punti, di Dejan Ivanov che ne mette 14, nonostante sembri il meno in forma e di David Cournooh, che chiude con 12 punti a referto (100% da 2 e 50% da 3). Gli ex Brindisi, Dyson e Todic chiudono con 12 e 5 punti. Questa sera la finale del 3° e 4° posto tra Enel Basket Brindisi-Lokomotiv Kuban e finalissima tra Banco di Sardegna Sassari.

Recap (a cura di www.dinamosassari.it)

Coach Bucchi e l'assistant-coach Michelutti

Coach Bucchi e l’assistant-coach Michelutti

Quintetto biancoblu confermato per 4/5 rispetto alle precedenti uscite, Devecchi dentro al posto di Sanders, tenuto a riposo. Botta e risposta dall’arco tra Denmon e Devecchi, Dinamo attenta in difesa, Brooks ruba palla e vola in contropiede. Logan inventa, Denmon e Mays guidano l’attacco Enel, 12-9 a metà quarto. Ampie rotazioni per coach Sacchetti che fa esordire Esben Reinholt, Ivanov dalla lunetta interrompe il miniparziale Banco, Dyson litiga col ferro, Harper nei secondi finali chiude il primo quarto sul 20-16. Reinholt da sotto, -2 brindisino firmato Henry, sul pari di Zerini al 12’ è timeout coach Sacchetti. Jeff Brooks presente su entrambi i lati del campo, terzo fallo di Lawal, Denmon in contropiede firma il vantaggio Enel dopo 15’. Brindisi prova a scappare, Logan cecchino dai 6.75 risveglia l’attacco Dinamo, all’intervallo è 35-38 per i pugliesi. Fiammata Dinamo e 11-2 di parziale, sul +6 biancoblu coach Bucchi è costretto a chiamare timeout. Logan vola a quota, Brindisi si sblocca, Devecchi oltre la doppia cifra, sulla bomba di Jerome Dyson è +11 Banco. Gli uomini di coach Sacchetti gestiscono bene il vantaggio guidati dal genio di Logan, al 30’ è 60-49 biancoblu. In apertura di ultimo quarto si segna solo dall’arco, bombe per Chessa, Devecchi, Ivanov e Dyson, nuovo minuto di Bucchi sul 71-52 a 7’ dalla fine. Ivanov e James provano a ridurre il divario, Logan e Dyson spingono il Banco verso la finale, ultimi minuti di ordinaria amministrazione, finisce 87-78 con la Dinamo che conquista il biglietto per la finalissima di domani sera contro il Galatasaray.

Recap (a cura del Quotidiano di Puglia)

Marcus Denmon, 21 punti (3/8 da 2 e 3/6 da 3)

Marcus Denmon, 21 punti (3/8 da 2 e 3/6 da 3)

Niente da fare per l’Enel Basket che, nella seconda semifinale del “Torneo Città di Sassari -Memorial Mimi Anselmi“, lascia strada ad un Banco di Sardegna decisamente più in palla e avanti nella preparazione. Quindi per il Brindisi, finalina di consolazione contro il Lokomotiv Kuban (palla a due ore 18,00) mentre a contendersi il trofeo saranno gli isolani opposti ai turchi del Galatasaray (ore 20,30). Tra i padroni di casa sono fuori dai giochi sia Rakim Sanders che Bryan Sacchetti (entrambi a tenuti a riposo), così la combo guard Edgar Sosa a sua volta reduce, con la maglia della Repubblica Dominicana, dai Mondiali in corso di svolgimento in Spagna. Partenza a dir poco lanciata quella che la Dinamo mette subito sul piatto. Un batter di ciglio ed è già 11-3 timbrato dal trio Devecchi-Brooks-Logan. Brindisi stenta un po’ a rialzare la testa, ma la reazione comunque giunge e porta la firma del centro Mays che prova a far sentire la sua presenza sotto le plance (per il lungo centro africano saranno 4 i punti realizzati, con un rimbalzo e 3 falli subiti dopo i primi 10 minuti). Il nuovo allungo sardo arriva, però, al minuto 7 (16-9) tanto da costringere Piero Bucchi a chiamare subito un time out. Dal quale i bianco azzurri vengono fuori con ben altro piglio. Lo strappo è chiuso da Marcus Denmon (8 punti dopo 10 minuti con 2/4 dalla linea dei 6 metri e 75), il quale risulta essere il vero artefice della risalita ospite. Brindisi è a -2 (22-24) in avvio di seconda frazione, e poco più in la mette anche il naso avanti (26-24) con una conclusione da sotto dell’onnipresente Denmon. A 4′ e 25″ dall’intervallo lungo il tabellone dice 28-26 per la New Basket, 30-29 a -2′ e 55″, 36-35 a -35″ con David Logan da una parte (16 punti con 4/5 dalla grande distanza) e Marcus Denmon dall’altra (12 punti con 2/5 dalla media, 2/4 dall’arco e 2/2 dalla linea della carità) migliori marcatori a metà contesa, mentre nel pitturato è sempre Brindisi a fare la voce grossa (23 rimbalzi, di cui 7 offensivi, contro i 15 altrui). 1 viaggianti, però, hanno la colpa di spegnere la luce in avvio di terza frazione.

David Cournooh (12 punti, 4/4 da 2 e 1/2 da 3) e l'ex Miroslav Todic

David Cournooh (12 punti, 4/4 da 2 e 1/2 da 3) e l’ex Miroslav Todic

Passano, infatti, solo e soltanto quattro giri di lancette ed ecco arrivare un 2 a 15 di break che, di fatto, torna a sparigliare i giochi. Sassari rimette così nuovamente il naso avanti (50-42) grazie a un David Logan che, in attacco, continua a bruciare la retina da ogni dove e a un Jeff Brooks assolutamente letale per Brindisi in entrambe le metà campo. La Dinano tocca il +11 (53-42) a -2′ e 42″ dal 30′, un viaggio in lunetta di Denmon fissa al 28′ il 55-46, una tripla di Logan (dopo 30 minuti, saranno 23 i punti infilati e 5/8 dalla distanza per l’ex Alba Berlino) il 59-46, una “bomba” di Cournooh il 59-49 in chiusura di una frazione che vede la New Basket tirare decisamente male (3/8 da 2 e 1/6 da 3). Una tripla di Devecchi consegna ai suoi il +14 (66-52) al 32′, due conclusioni (una da sotto, l’altra dalla distanza) dell’ex Jerome Dyson inchiodano il +19 (71-52) che la Dinamo centra a -7′ e 29″ dall’ultima sirena. Di fatto, è il game over sulla contesa. Nonostante Brindisi risalga a -10 (71-81) al 38′, prima che sia l’altro ex della serata, ovvero Miroslav Todic (5 in serie), a far scorrere definitivamente i titoli di coda sul match.

MVP DAVID LOGAN: La nuova play\guardia di Sassari si presenta alla grande davanti al proprio pubblico. Chiude con 29 punti (3/4 da 2 e 7/10 da 3) e 31 di valutazione finale.

Parziali: 20-16, 35-38, 60-49, 87-78.

Sassari:  Reinholt 4, Logan 29, Sanders ne, Devecchi 14, Lawal 4, Chessa 4, Dyson 12, Sacchetti ne, Vanuzzo, Brooks 15, Todic 5, Tessitori ne. All.: Meo Sacchetti
T2 20-38, T3 14-32
Rimbalzi: 29 (4 Lawal, Brooks, Dyson, Todic)
Valutazione: 93 (31 Logan)

 
Brindisi: Harper 2, James 7, Crotta ne, Bulleri ne, Cournooh 12, De Gennaro ne, Ayers 6, Denmon 21, Zerini 2, Henry 6, Mays 8, Ivanov 14. All.: Piero Bucchi
T2 24-42, T3 7-22
Rimbalzi: 39 (6 Henry e James)
Valutazione: 89 (19 Ivanov)

 

 

The following two tabs change content below.
Andrea Romano

Andrea Romano

Brindisino, classe 1990. Dal 1° Dicembre 2013 cerco di raccontare al meglio tutto ciò che riguarda la New Basket Brindisi. Dall'Aprile 2014 inoltre collaboro con BasketUniverso.it.