Ranking 14° Giornata Serie A BEKO

Dyson2

Questo articolo ha avuto 147 visualizzazioni.

1. Cantù (prec. 3). L’avevamo retrocessa al tre per l’infortunio di Cusin, ma in attacco continua a sdottorare pallacanestro (prima nei tiri da due, da tre e negli assist) con un impressionante 8-0 in casa. Marconato ha dimostrato che può darle una mano.
2. Milano (prec. 5) .Vince a Sassari la prima partita importante in trasferta, pur tirando male. Per la prima volta dall’arrivo di Hackett impressiona, vista la taglia fisica degli esterni può mettere in campo una fisicità unica, considerata la lunghezza del roster. Ora ha in casa Siena e Brindisi, si prepara per l’assalto al numero 1.
3. Siena (prec.4). Rientrato Hunter, fatti debuttare Haynes e Janning con successo, sembra tornata un martello. Alla vigilia della sfida di Milano, parte sfavorita nella gara del Forum nella gara tra le due migliori difese del campionato, ma sembra aver cambiato pelle con successo.
3. Sassari ex aequo (prec. 1). Siamo rimasti molto delusi dalla poca consistenza, tecnica e fisica, di Sassari contro Milano. Vero che Travis Diener non è al meglio e che Gordon deve ancora debuttare, ma una squadra che è legata soltanto ai punti che fa e subisce così la scelta di avere due registi minuscoli, rischia di fare poca strada quando conta.
5. Brindisi (prec. 6). Fatica e di rincorsa batte al supplementare l’ultima in classifica dopo essere stata sotto di brutto. E allora? E’ prima in classifica e adesso arriva Chiotti, che secondo noi farà benissimo. Ora aspetta Sassari, poi Milano. Esame di maturità.
5. Roma ex aequo (prec. 2). Vale anche per Roma il discorso fatto per Sassari: ha in mano, in casa, una sfida che deve vincere per restare al primo posto e si fa mettere sotto dal primo minuto concedendo percentuali molto alte. Ora deve stare attenta anche con Varese. Una piccola delusione.
7. Venezia (prec.9). Andre Smith ce l’ha solo la Reyer e questo le vale la vittoria a Roma e il rientro tra le prime del ranking. Del resto ha l’organico per restarci fino alla fine, ma ogni tanto giocare in modo diverso la fa andare in corto circuito.

8. Reggio Emilia (prec. 7). Continua a dare il meglio di sé in casa, non solo in attacco e lì si gioca l’ottavo posto con Avellino sabato. Continua a dare l’impressione che le manchi qualcosa per passare decisamente nelle top 8. White?
9. Avellino (prec.11). Va sue e giù nel ranking di pari passo al suo rendimento. Salvata nelle ultime occasioni da un ottimo Cavaliero. Ora ha lo scontro diretto con Reggio per entrare nelle Final Eight, se ce la fa salva una prima parte di stagione così così ma anche difficile per gli infortuni sparsi.
10. Caserta (prec. 8). Brutta sconfitta a Cremona, soprattutto considerata la perdita di Moore in un momento nel quale avrebbe potuto far punti in una fase favorevole di calendario. Che è una trappola: a Caserta sono in arrivo Pistoia e Pesaro, deve vincere per non perdere il passo.
11. Bologna (prec. 10). Perde all’ultimo tiro a Pistoia e la cosa potrebbe starci se non fosse che ha vinto solo 2 volte nelle ultime 8 gare, dopo un inizio spumeggiante. Ha giocatori importanti in un momento di calo (Gaddefors è sparito, i lunghi vanno a sprazzi), ma se vince domenica con Cantù è dove era logico fosse.
12. Pistoia (prec.13). Con tre vittorie nelle ultime 4 partite e 4 su 6, conferma un trend di crescita notevole anche se ancora legato al fattore campo. Contro Bologna è stata anche fortunata con un canestro a 1” dalla fine, intanto vince e, visti i presupposti, sta andando oltre le aspettative.

Articolo di: Luca Chiabotti© La Gazzetta Dello Sport ©

The following two tabs change content below.
Andrea Romano

Andrea Romano

Brindisino, classe 1990. Dal 1° Dicembre 2013 cerco di raccontare al meglio tutto ciò che riguarda la New Basket Brindisi. Dall'Aprile 2014 inoltre collaboro con BasketUniverso.it.