Serie A BEKO | Enel Basket Brindisi-Umana Reyer Venezia: 74-81

Enel Brindisi-Reyer Venezia by La Stella Del Sud

Questo articolo ha avuto 220 visualizzazioni.

L’Umana Reyer Venezia espugna il PalaPentassuglia. A Brindisi non riesce la rimonta.

 

Enel Basket Brindisi-Umana Reyer Venezia: 74-81
5° Giornata Serie A BEKO
PalaPentassuglia, Brindisi 09/11/14 


L’Enel Basket Brindisi cade per la seconda volta in campionato e per la prima volta al PalaPentassuglia. A violare a domicilio la squadra di coach Piero Bucchi è stata l’Umana Reyer Venezia, che sin da subito si è portata in vantaggio e grazie all’ex Viggiano è riuscita a portare a casa il risultato. L’Enel Basket Brindisi rimane così inchiodata a 6 punti mentre Venezia raggiunge Sassari in testa alla classifica.  

Enel Brindisi-Reyer Venezia by La Stella Del Sud

La 5° Giornata di Serie A BEKO propone la sfida tra Enel Basket Brindisi ed Umana Reyer Venezia. Seconda gara consecutiva al PalaPentassuglia per Brindsi, che dopo Trento ospita una delle favorite alla vittoria dello scudetto. Entrambe le squadre arrivano all’appuntamento con 6 punti in classifica (3 vittorie e 1 sconfitta) e pronte e determinate a rimanere in scia della Dinamo Sassari. Coach Piero Bucchi deve rinunciare ancora James Mays, e al grande colpo di mercato Cedric Simmons che viene presentato prima dell’inizio del match ma si accomoda in tribuna. Dall’altra parte Coach Recalcati recupera Dulkys, che supera il provino poco prima dell’inzio della gara.

1° QuartoIl match inizia con la palla in possesso di Venezia e che alla prima azione offensiva colpisce subito Brindisi. E’ Tomas Ress ha siglare il primo canestro della partita (0-2). Partita combattuta con Brindisi si trova sempre ad inseguire ma comunque molto vicina. Tra il 4° e il 5° minuto però c’è il primo mini break degli ospiti che riescono a portarsi sul +7 grazie ai 4 punti di Peric e ai 2 punti di Stone (6-13). Al 7° un Delroy James molto nervoso per le scelte arbitrali lascia il parquet (2° fallo) per dare spazio a Zerini. Il clima inizia a scaldarsi al PalaPentassuglia proprio per alcune scelte arbitrali molto dubbie. Venezia però nè approfitta e vola sul +11 grazie alle 3 triple messe in sequenza  da Ress (1) e Goss (2). Prima dell’ultimo giro di lancetta il risultato recita 10-21. Un minuto più tardi, al termine del quarto, il risultato è di 14-22.
2° Quarto – Brindisi inizia a provare una timida reazione. Bulleri al 13° risponde alla bomba dell’ex Viggiano (22-30). Harper al 14°, in meno di 10 secondi, commette 2 falli consecutivi che lo costringono subito a risedersi in panca (3 falli personali). Delroy James infiamma il pubblico con una mega stoppatona su Ruzzier. Sino al 18° le squadre non riescono a trovare il canestro merito dell’ intensità difensiva di entrambe. Brindisi fatica a penetrare centralmente e spesso si affida aa tiri da fuori, ma che spesso colpiscono il ferro o addirittura sono corti e imprecisi. Denmon da sotto smuove il tabellino (24-32). Tra il 18° e il 19°,  vanno a referto solo gli ex Siena. Inizia Ortner dai liberi, continua Viggiano da 3, risponde Cournooh con la bomba e chiude Ortner da sotto (27-39). Si va negli spogliatoi con il risultato di 29-41.

3° Quarto –  Ancora una volta la strigliata di coach Bucchi nell’intervallo fa bene alla squadra. L’Enel Basket Brindisi inizia ad essere devastante. Nei primi 2 minuti del quarto l’offensive brindisine portano 6 punti. Sek Henry dalla lunetta (i primi in stagione) firmano il -6 (35-41). Phil Goss realizza da sotto e prova a tenere a debita distanza la squadra di casa (40-47). Turner è scatenato e subisce anche il fallo antisportivo di Viggiano (1/2 dalla lunetta). Denmon con la bomba riavvicina Brindisi (46-47). Gli uomini di coach Recalcati non cedono e 2 triple consecutive firmate Dulkys e Ress firmano il 48-56 e il nuovo +8 degli ospiti ad un minuto dal termine del quarto. Rimarranno ancora 8 le lunghezze di distanza al termine del quarto: 50-58.
4° Quarto – La schiacciata di Harper fa capire a Venezia che Brindisi ancora non si è arresa. Lo stesso giocatore fa sentire nuovamente il fiato sul collo a Venezia (56-58). Pochi secondi più tardi a Bulleri viene fischiato un fallo antisportivo molto dubbio che fa nuovamente infuriare il pubblico Brindisino. Al 35° Ivanov prima subisce uno sfondamento e subito dopo da dentro l’area effettua il sorpasso (62-61), dimostrando di tenere a questa maglia ed esultando in direzione della curva. La partita avanza punto a punto. Giuliani, vicino l’ingresso degli spogliatoi, va su tutte le furie quando gli arbitri fischiano un altro fallo dubbio a Marcus Denmon. Lo stesso Spursino poco dopo firma il +2 piazzando un’importantissima tripla (69-67). Venezia però riprende in mano la partita e si riporta sul +7 (69-76) negli ultimi minuti della gara. A nulla servono i 5 punti di Denmon negli ultimi 40 secondi. Viggiano al termine della partita schiaccia e sigla il 74-81 finale facendo accendere ancora gli animi del PalaPentassuglia.

Per la prima volta in stagione il PalaPentassuglia viene violato. Come a Sassari e a Den Bosch Brindisi inizia male la gara e si ritrova ad inseguire l’avversario. Anche questa volta però il grande cuore non basta e la rimonta rimane incompleta al termine della gara. L’Enel Basket Brindisi soffre ancora l’assenza di un pivot puro in mezzo al campo che limita non poco il gioco della squadra. Venezia, pur non giocando benissimo, si candida ancor più prepotentemente  come una delle pretendenti a giocarsi il titolo finale.

MVP Jeff Viggiano: L’ex Brindisino punisce nel peggior dei modi il suo ex pubblico. Nei momenti clou trova canestri spacca caviglie e piega l’entusiasmo a Brindisi. 13 punti, 4 rimbazli, 1 assist e una stoppata il suo score finale.

Parziali: 14-22, 29-41 (15-19), 50-58 (21-17), 74-81 (24-23).

Enel Basket Brindisi: Harper 6, James 10, Bulleri 5, Cournooh 3, Di Salvatore, Denmon 21, Morciano, Zerini 4, Henry 4, Turner 13, Ivanov 8. All. Bucchi
Starting Five: Henry, Denmon, Turner Jr., James, Ivanov.
TL 13-15 (86.7%), T2 24-34 (58.8%), T3 7-24 (29.2%)
Rimbalzi: 28 (9 James)
Assist: 7 (2 Ivanov e Turner)
Valutazione: 54 (16 Ivanov)

Umana Reyer Venezia:  Moore 3, Stone 10, Peric 14, Goss 15, Ruzzier 1, Ress 11, Zucca, Ortner 8, Viggiano 13, Ceron, Dulkys 6. All. Recalcati
Starting Five:
Stone, Goss, Viggiano, Peric, Ress.
TL 13-15 (86.7%), T2 24-34 (58.8%), T3 7-24 (29.2%)
Rimbalzi: 35 (6 Ortner)
Assist: 13 (4 Goss)
Valutazione: 93 (16 Stone)

Foto: La Stella Del Sud – Basket Brindisi

The following two tabs change content below.
Andrea Romano

Andrea Romano

Brindisino, classe 1990. Dal 1° Dicembre 2013 cerco di raccontare al meglio tutto ciò che riguarda la New Basket Brindisi. Dall'Aprile 2014 inoltre collaboro con BasketUniverso.it.