Stagione 2013\14: Cammino e bilancio finale

0

Questo articolo ha avuto 261 visualizzazioni.

Analizziamo il cammino e la stagione 2013\14 dell’Enel Basket Brindisi passando tra Campionato, Final Eight e Playoff. Inoltre a fine articolo gustiamoci gli Highlights della meravigliosa stagione appena passata.

SERIE A BEKO E FINAL EIGHT

La società in estate ha costruito un buon roster formato da Jerome Dyson, playmaker con una breve esperienza in NBA arrivato dall’Hapoel Holon,  Ron Lewis, guardia arrivata dal  Antalya BŞB (Turchia) ma solo dopo essersi giocato i playoff in Porto Rico con i Brujos de Guayama, dall’ala Delroy James alla sua seconda esperienza consecutiva in Italia dopo la stagione in Lega Due con il Ferentino Basket, dall’ala Michael Snaer alla prima esperienza da professionista dopo i titoli e l’esperienza collegiale con i Florida State e dal pivot Akinlou Akingbala, tagliato poco dopo per la scarsa condizione fisica del giocatore. La panchina è composta da Miroslav Todic , ala bosniaca arrivata dal Chimik Južnyj (Ucraina) ma alla seconda esperienza italiana dopo quella di Forlì, da Folarin Campbell guardia arrivata dalla Lettonia ma con una precedente esperienza in Italia a Sant’ Antimo e Alade Aminu, pivot arrivato per sostituire Akingbala. Il roster è completato dalle conferme di Andrea Zerini e Matteo Formenti, dai giovani made in Brindisi Gianmarco Leggio e Francesco Morciano e dal capitano Massimo Bulleri arrivato dalla Umana Reyer Venezia.

La stagione è stata una delle più esaltanti, soprattutto nella prima parte della stagione in cui Dyson & Co. sono riusciti a laurearsi “Campioni d’Inverno” (per la prima volta nella storia della New Basket Brindisi).

Il cammino è iniziato con la vittoria contro la corazzata EA7 Emporio Armani Milano, non ancora al meglio, in cui Brindisi riuscì a vincere di 8 punti di vantaggio. Dopo la sconfitta alla 2° giornata contro l’Acea Roma, l’Enel rifilava 6 vittorie consecutive contro Cremona, Venezia, Reggio Emilia, Varese, Caserta e Cantù (sfatando alcuni parquet tabù) prima di perdere nuovamente in trasferta contro la Granarolo Bologna. Alla 11° giornata arrivava la 3° sconfitta stagionale, ma la prima in casa, contro la Sutor Montegranaro. Le 3 partite consecutive rimarranno impresse nella memoria di molti tifosi: si inizia con la vittoria contro Siena qualche giorno dopo Natale, si passa dall’incredibile rimonta e vittoria all’overtime a Pesaro,alla prima uscita del 2014, e si finisce con la schiacciante vittoria contro Sassari in cui la squadra si aggiudica il titolo di Campione D’Inverno e l’accesso alle Final Eight come testa di serie. Nel frattempo il pivot Aminu rescinde il contratto per non essersi riuscito ad ambientare al giusto e per raggiungere obiettivi professionali che Brindisi non poteva offrirgli. La società per sostituirlo acquista dall’Emporio Armani, David Chiotti, finito ai margini in Lombardia. Nel girone di ritorno inizia il calo della squadra. Alla prima di ritorno Milano si riprende la rivincita con gli interessi. Dopo la vittoria a Cremona, in cui finisce la stagione del capitano Massimo Bulleri, e la vittoria contro Roma, Brindisi al Mediolanum Forum di Assago va a giocarsi le Final Eight 2014, e dopo aver battuto ai quarti Venezia con una grande prova di forza, esce in semifinale a testa alta contro Siena. Per sostituire Bulleri, Giuliani piazza il colpo con Josh Jackson che esordisce nella vittoria contro Varese nella 6° giornata di ritorno. Tuttavia il rapporto con il giocatore finisce dopo la vittoria di grinta conquistata a Pistoia nella decima di ritorno. Nelle ultime gare Brindisi conquista un’unica vittoria in casa contro Avellino poi cede malamente a Siena, in casa contro Pesaro e a Sassari dove perde il 4° posto classifica e il fattore campo a favore durante i quarti dei playoff proprio contro i Sardi, nonostante l’arrivo di Michael Umeh a rafforzare il roster e a sostituire Bulleri e Jackson.

PLAYOFF

Avendo perso il fattore campo nell’ultima gara di campionato, Brindisi va a giocarsi le prime 2 gare dei quarti dei Playoff in Sardegna. Gara 1 è un autentica battaglia ed una gara ricca di emozioni ma alla fine sono i padroni di casa a festeggiare dopo un’incredibile rimonta. In gara 2 invece non c’è storia e Sassari schiaccia Brindisi a suon di triple mentre in gara 3 non basta il cuore a Brindisi per portare la serie a gara 4. La squadra esce tra gli applausi del proprio pubblico.

BILANCIO

L’Enel Basket Brindisi è stata la vera sorpresa del campionato, almeno per quanto riguarda la prima fase del Campionato dove al termine del girone di andata si è laureata “Campione D’Inverno”. Dopo il calo del girone di ritorno comunque la squadra è riuscita a piazzarsi stabilendo il record di punti in Serie A oltre al record del migliore piazzamento. Giocarsi i playoff scudetto (primi per alcuni, secondi per altri) è stata un’altra importante pagina della storia della New Basket Brindisi. La Stagione 2014\15 sarà il 3° campionato consecutivo che Brindisi giocherà nella massima serie (record) e probabilmente sarà la prima in Europa.

The following two tabs change content below.
Andrea Romano

Andrea Romano

Brindisino, classe 1990. Dal 1° Dicembre 2013 cerco di raccontare al meglio tutto ciò che riguarda la New Basket Brindisi. Dall'Aprile 2014 inoltre collaboro con BasketUniverso.it.